storia di un punto

Home > il festival > storia di un punto
Un punto piccoletto, superbioso e iracondo,
“Dopo di me” – gridava –
“verrà la fine del mondo!”
Le parole protestarono:
“Ma che grilli ha per il capo?
Si crede un Punto-e basta,
e non è che un Punto-e-a-capo”.
Tutto solo a mezza pagina
lo piantarono in asso,
e il mondo continuò
una riga più in basso.Il DITTATORE, da filastrocche in cielo e in terra di Gianni Rodari

Il logo del Festival Punto e a Capo è stato ideato e disegnato da Maria Moya, già illustratrice de “Il domatore di foglie (Zoolibri)” e “L’omino del blu (Zoolibri)”

il Festival del libro per ragazzi Punto e a capo è organizzato dall'Associazione PUNTO E A CAPO